style, stylish, fashion, clothes, bag, girly, shoes, pink on We Heart It - http://weheartit.com/entry/129454576

style, stylish, fashion, clothes, bag, girly, shoes, pink on We Heart It - http://weheartit.com/entry/129454576


Tumblr on We Heart It - http://weheartit.com/entry/129457214

Tumblr on We Heart It - http://weheartit.com/entry/129457214


VARNUAK on We Heart It - http://weheartit.com/entry/129457265

VARNUAK on We Heart It - http://weheartit.com/entry/129457265


Depth Of My Soul | via Tumblr on We Heart It - http://weheartit.com/entry/129457370

Depth Of My Soul | via Tumblr on We Heart It - http://weheartit.com/entry/129457370


Fashion on We Heart It - http://weheartit.com/entry/129458684

Fashion on We Heart It - http://weheartit.com/entry/129458684


when you look me in the eyes | via Tumblr on We Heart It - http://weheartit.com/entry/1294593

when you look me in the eyes | via Tumblr on We Heart It - http://weheartit.com/entry/1294593


"Che farai senza di me?"


“Mangerò, forse di meno.”


“E poi?”


“Fumerò, forse di più.”


Strinse i pugni e abbassò gli occhi.


“Non avresti mai dovuto incontrarmi.”


“Non avresti mai dovuto sorridermi.”


“Come facevo a non sorriderti?”


“Come facevo a non innamorarmi?”

La stazione era buia, vuota, eravamo rimasti solo noi lì dentro. In lontananza si cominciava a sentire il rumore dei binari calpestati.


“Dai, vado via. Altrimenti perderai il treno.”


“Che importa? Quello più importante l’ho già perso.”


“E’ colpa tua.”


“E’ colpa di questa fottuta distanza.”


Attaccai le mie labbra al suo orecchio sinistro e gli sussurrai piano.


“Ma adesso siamo vicini.”


“Si. Siamo vicinissimi.”


“Dimentica i chilometri, ricordati delle emozioni.”


“Il treno su cui non vorrei mai salire sta per arrivare. Non c’è più tempo per ricordarmi delle emozioni.”


“Allora ricordati di me quando guarderai fuori dal finestrino.”


“Se ti bacio ricordo meglio.”


E le nostre guance si sfiorarono con le lacrime incastrate fra le ciglia, e le sue mani tremarono nei miei capelli come quando si raccoglie un oggetto prezioso caduto a terra che non si è rotto, e la sua fronte premette forte sulla mia come per schiacciarmi i pensieri, e il rumore del treno si faceva sempre più intenso.


“Eccolo lì. Mi sa che devo…”


“Si. Devi…”


Raccolse lo zaino a terra.


“Non mi ricorderò di te quando guarderò fuori dal finestrino. Mi ricorderò di te quanto ti volterò le spalle e ti lascerò qui e starò in pensiero perché non potrò seguirti con lo sguardo mentre mi allontano. Mi ricorderò di te quando in treno ci saranno altri cento posti liberi e a me basterebbe la tua presenza per riempirlo. Mi ricorderò di te quando prenderò la bottiglina d’acqua, e l’altra mano non sarà legata alla tua. E mi ricorderò di te quando…”


“Il treno è qui…”


Gli dissi con un filo di voce. Lui corse verso le porte che si stavano per chiudere, mi guardò ancora una volta. Dietro quei vetri trasparenti lo vidi sedersi, incrociare le gambe e abbassare la schiena. Il treno era partito. Si allontanava velocissimo, e in quel momento lo invidiavo così tanto, perché stava portando con sé la cosa più cara che avevo. Raccolsi anch’io la borsa a terra. Ma… c’era un bigliettino affianco. Doveva essergli caduto dallo zaino. Lo aprii.


“…E mi ricorderò di te quando tornerò a casa, e non mi sentirò più a casa senza di te.”

cassandrablogger (via cassandrablogger)

Reblog a vita.

(via fragileepiccola)

Una delle note più belle in questo sito

(via vjntage)

La cercavo da tantissimo, reblog per sempre

(via sbagliataperquestomondo)

Bellissima.

(via ituoiocchisonoimiei)

Stupenda.

(via sediciottobre2013)

dio

(via conlasperanzanegliocchi)

(via malatadilui)




Stanno tutti crescendo.
Vedo prime volte diventare abitudini,
persone cambiare,
amicizie spezzarsi,
amori nascere,
tutto davanti ai miei occhi.
Accade così in fretta
che ho paura.
Non voglio crescere.
Non voglio che il tempo passi.

Vi ricordate il vostro primo bacio?
Ricordate tutte le aspettative che avevate, le fantasie?
E poi com’è stato?
Per alcune il massimo, esattamente come lo avevate letto nei libri.
Per altre invece un po’ una delusione, un po’ strano, molto meno entusiasmante di quello che si vede nei film.
Del primo bacio sono sicura tutte vi ricordiate, anche i particolari: vi ricordate lui, il posto, se era sera , pomeriggio o mattina.
Ora pensate al secondo bacio, lo ricordate?
È più difficile vero?
E il secondo ragazzo che avete baciato?
No eh?
Era tutto più semplice vero?
Lo avevate già fatto, non era così speciale, un po’ come un’abitudine, nessuna paura, nessuna insicurezza o indecisione, era un gesto naturale, come mangiare un gelato.
Poi c’è stata la prima volta.
La prima volta che avete fatto l’amore.
Ecco un’altra prima volta che non si scorda mai.
Bello o brutto che sia stato, lo ricorderete.
Ricorderete le lenzuola, le goccioline di sangue, ricorderete l’odore, il male ai fianchi, le labbra gonfie.
Ricorderete di esservi guardate allo specchio, dopo, quando tutto era finito.
Vi eravate scrutate in cerca del segno del cambiamento, di quella presunta maturità …
Ma i cambiamenti non si vedono.
E la seconda volta che avete fatto l’amore?
Lo avevate già fatto, non era così speciale, un po’ come un’abitudine, nessuna paura, nessuna insicurezza o indecisione, era un gesto naturale, come mangiare un gelato.
Questo è quello che succede. Sempre.
Si danno valore alle “prime volte” per poi passare presto all’abitudine.
Se la prima volta avete aspettato un mese per baciare un ragazzo, poi avete imparato a baciare un ragazzo al primo appuntamento.
Se la prima volta avete impiegato 6 mesi per decidere se era quello giusto con cui fare l’amore, poi vi siete accontentate di lasciar passare un mese, una settimana, a volte anche meno.
Il tempo fa diventare tutto un’abitudine e i gesti perdono il loro valore.
Io voglio che tutti i miei baci siano una prima volta.
Io voglio che tutte le prime volte siano speciali.
Un anno, un mese, un giorno.
Non importa.
Non è il tempo a classificare l’amore.
portolealidiunangelo (via portolealidiunangelo)

Mi piacciono le prime volte. I primi baci, i primi amori, le prime parole, le prime notti nello stesso letto.
Mi piacciono le prime passeggiate tenedosi per mano, i primi baci sulla bocca sotto il portone di casa.
Mi piace il sapore delle cose nuove, il sapore delle cose aspettate da troppo.
Mi piace l’adrenalina che esplode dentro quando non sai cosa ti aspetta, ma sai che ti aspetta qualcosa.
L’idea di scoprire com’è, se è tutto come te lo aspettavi, o forse anche meglio.
Amo la prima volta in cui si fa l’amore, quando i corpi si sfiorano e tremano, quando il cuore non si sa controllare e le mani hanno paura di andare dove devono andare. Mi piace il desiderio di volerlo perfetto, quell’amore in cui si stringono le mani e i corpi si appartengono, si uniscono, si amano.
Mi piacciono i primi ‘ti amo’, i brividi increduli che lasciano dentro al cuore, e i sorrisi che fanno nascere.
Scoprire, frugare, cercare, trovare. Mi piace la scoperta, la consapevolezza che era ciò che stavi cercando.
La magia, il desiderio, la voglia che cresce ma non finisce.
Le prime carezze sul viso, i primi sguardi, la prima colazione insieme al bar di fronte a un cappuccino.
E mi piace l’imbarazzo, la paura che ti prende perchè non sai se ciò che fai lo stai facendo bene.
Quelle prime volte che possono restare anche le uniche, ma che resteranno sempre meglio dell’abitudine.
Ps. I love you, Facebook (via fromwishestoeternity)

flowers on We Heart It - http://weheartit.com/entry/122268161

flowers on We Heart It - http://weheartit.com/entry/122268161


Grunge on We Heart It - http://weheartit.com/entry/122269605

Grunge on We Heart It - http://weheartit.com/entry/122269605


Cupcakes su We Heart It - http://weheartit.com/entry/122274387

Cupcakes su We Heart It - http://weheartit.com/entry/122274387